giovedì 14 gennaio 2010

La frutta esotica come sceglierla e prepararla

Fonte delle notizie che mi accingo a condividere con voi è il periodico "Altroconsumo"
La frutta esotica è controllata al pari della nostra.

Noce di Cocco
Come scegliere: l'involucro deve essere duro e senza crepe. Non deve perdere liquido ed i tre "occhietti" devono essere scuri, puliti e privi di muffa. Scuotetelo: dovrete sentire una certa quantità d'acqua al suo interno. La polpa deve essere candida!

Come conservarlo: una volta aperto, la polpa va tenuta in frigo immersa nel suo succo. 
Sostanze nutritive: il cocco è un alimento molto energetico (351 calorie per 100 gr), è ricco di grassi (36%) soprattutto saturi (31%).

Mango
Come sceglierlo: Essendoci tante varietà di questo frutto, potremo trovarne di più o meno grossi, colorati o ovali. La buccia è di colore verde, che vira al giallo -rosso quando giunge a maturazione. La polpa invece è di colore giallo-arancione e può essere fibrosa. E' molto difficile sceglierlo maturo perchè a volte il suo colore può trarre in inganno. Deve essere però morbido al tocco e profumato e non deve avere macchie sulla buccia. Per capire se è al punto giusto di maturazione, premere intorno al picciolo per verificare che la polpa sia morbida. Quando è ancora acerbo è molto duro e fibroso: lasciatelo maturare a contatto con delle mele (ne accelera il processo). 
Come si taglia: tagliatelo in due per la lunghezza restando laterali al nocciolo, sbucciatelo e poi tagliate la polpa a losanghe.

Come conservarlo: il frutto matura ulteriormente se tenuto a temperatura ambiente in una stanza per qualche giorno.
Sostanze nutritive: molto ricco di vitamina A e C.      


Ananas
Come sceglierlo: purtroppo, anche se dovrebbe maturare sulla pianta, arriva da noi acerbo in quanto è un frutto che soffre il trasporto. Per sceglierlo maturo usiamo l'olfatto - deve avere un profumo dolce - e la vista: la buccia deve virare sempre più al giallo. Controlliamo che non vi siano ammaccature, parti molli e marroni. Un trucco per capire se l'ananas è maturo è quello di staccare una delle foglie centrali. Deve venire via facilmente.

Come conservarlo: Chiuso, si mantiene a temperatura ambiente. Una volta aperto, in frigo per circa una settimana.
Sostanze nutritive: Fornisce poche calorie (principalmente zuccheri). Ha un buon contenuto di vit. C (una porzione fornisce quasi metà dell'apporto giornaliero raccomandato). Discreto anche il contenuto di potassio. La bromelina, un enzima contenuto nel frutto, serve a facilitare la digestione.

Passion fruit
Molto aromatico e profumato, il frutto della passione si "beve". Si presenta come un piccolo uovo con la scorza dura e marroncina. La maturazione si riconosce dalla scorza, che deve essere leggermente "spiegazzata" e dalla polpa, che deve essere  giallo-arancione. Il frutto è costituito principalmente da tanti semini neri cui è attaccata la polpa. Si consuma preferibilmente frullato, dopo aver filtrato i semi o al naturale, prendendo la polpa con un cucchiaino.

Papaya
Ottimo tagliato a fettine o in macedonia con una spruzzata di lime o limone. La Papaya matura ha la buccia completamente gialla, il frutto deve essere leggermente tenero. Più la buccia è gialla, magari con qualche puntino nero, più è matura. La polpa all'interno deve essere morbida, arancione, dolce e profumata. Se è verde, va lasciata maturare. Per affettarla: si taglia in due, si eliminano i semini neri scavando con un cucchiaio, si pela la buccia, si rovescia e si affetta. La papaya contiene molta acqua e vitamine.

2 commenti:

  1. ma bravo il mio micio del cuore, interessantissimo questo post!!

    un abbraccione!!

    RispondiElimina
  2. Utilissimo post!!! brava! :)

    ciao

    Terry

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails

copiright

MyFreeCopyright.com Registered & Protected