giovedì 10 settembre 2009

PANCARRE' ALLO YOGURT

Ci sono due cose in particolare che amo fare con le mie mani (o per meglio dire con il mio robot): i panini per gli hamburger ed il pancarrè. Se c'è una cosa che odio è sentire quel sapore di alcool che hanno quelli confezionati industrialmente.
Così un giorno mi sono imbattuta in questa ricetta di "Anice e cannella" e non me ne sono liberata più. Il testo è quasi "integrale", la ricetta è arricchita con le foto dei vari passaggi .




Ingredienti


250 gr di farina 0
250 gr di manitoba
30 gr burro
10 gr olio evo
125 gr di yogurt
75 gr di acqua
30 gr di zucchero
10 gr di sale








Per il lievitino:

90 gr. di latte
150 gr di farina presa dal totale
1 cucchiaino di malto (in mancanza sostituire con miele)
12 gr di lievito di birra



Fate un lievitino con gli ingredienti descritti e far lievitare pfino al raddoppio (circa un'ora d'estate 90 min d'inverno). 

Nel frattempo miscelate l'acqua e lo yogurt e lasciate riposare a temperatura ambiente.

Quando il lievitino ha quasi raggiunto il doppio del volume, impastate bene  il resto degli ingredienti e lavoratelo bene.


Appena il lievitino è pronto lavoratelo con il secondo impasto finchè non ci saranno più striature bianche ed i due impasti saranno perfettamente amalgamati.
Mettete l'impasto, così ottenuto,a crescere coperto con pellicola per 40 minuti d'estate oppure 50/60 minuti d'inverno e mettere in frigo circa 8 ore.



Al mattino riportare l'impasto a temperatura ambiente tenendolo fuori dal frigo circa 40 minuti. 










Dopodichè spezzare in due e dare una ad ogni pezzo le pieghe del secondo tipo( qui ) coprire i due panetti e lasciarli riposare circa 15/20 minuti.







Formare ora due cordoni lunghi più di 30 cm. ed arrotolarli tra loro. 








Posizionare la trecciona a due in uno stampo da plumcake lungo 30 cm. e unto d'olio di semi. Pennellare di latte.






Lasciare lievitare circa 40 minuti (in inverno 1 ora) pennellare ancora un poco di latte e se si desidera, spolverare di semi di sesamo.







Infornare in forno caldo a 220° per i primi 20 minuti, coprire poi con carta forno la superficie che si sarà già dorata e proseguire la cottura a 180/190° per altri 20 minuti.

Sfornare il pancarrè e, senza toglierlo dallo stampo, avvolgerlo bene in un grosso panno di cotone e lasciarlo raffreddare.
Toglierlo poi dallo stampo e non consumare prima di almeno 3 o 4 ore.







Ci facciamo due toast oppure gli spalmiamo un pò di nutella?






Aforisma di proverbio napoletano: Ccà nisciuno è fesso (Qui nessuno è stupido).

Carbonara di zucchine (con penne o tagliolini)

Fate dorare nell'olio la cipolla e l'aglio (che poi eliminerete), aggiungi circa 6 zucchine piccole, per 4 persone, tagliate a metà per il lungo e poi a rondelle e fatele cuocere qualche minuto a fuoco vivace. Terminate la cottura a calore moderato ed aggiungete sale e pepe.


Mentre cuoce la pasta battete 1 o 2 uova con sale, pepe, un pizzico di noce moscata ed un goccio di latte.


Scolate la pasta al dente e mischiatela ancora calda all'uovo. Ripassate il tutto in padella per pochi secondi e servire cospargendo di parmigiano grattato e menta.





BUON APPETITO


Aforisma di proverbio napoletano: 'E figlie so' ppiezz' 'e còre (I figli sono pezzi di cuore).

ERBAZZONE REGGIANO

Una ricetta da leccarsi i baffi............ appunto 


Dedicata alla mia amica Dauly: una parmigiana d'eccezione......











Ingredienti


Per l'impasto:
450 farina 00
100 di ricotta
1 cucchiaio di strutto e 4 di olio evo
sale ed acqua q.b.


Per il ripieno:


700 gr di erbette (spinaci, bietola..) surgelate, se usate quelle fresche dovrete almeno raddoppiare il peso
1 cipolla 
1 spicchio di aglio (facoltativo)
peperoncino in polvere (facoltativo)
200 gr di pancetta affumicata a dadini
150gr di parmigiano grattato.


Procedimento


amalgama tutti gli ingredienti per l'impasto aggiungendo l'acqua che occorre ad ottenere un composto omogeneo e non duro. Avvolgerlo nella pellicola e lasciarlo riposare per 1/2 ora.





In una padella con un filo di olio ed una noce di burro, fate appassire la cipolla, aggiungete l'aglio (che poi toglierete) e la pancetta e fate soffriggere un pò





aggiungete le erbette, il sale e se piace il peperoncino. Una volta cotto fate  raffreddare e poi aggiungete il parmigiano.


Stendete l'impasto sulla carta da forno in una circonferenza tale che fuori dal ruoto





riempite col composto ormai freddo, eliminate la pasta in eccesso tenendo conto che dovrete arricciarla sul ripieno come si vede nella prima foto. Bucherellate la superficie  con la forchetta e cuocete in forno a 200° per 40 min e comunque fino farla diventare bruna come nella foto.


Note: sia la torta che l'impasto si prestano bene alla congelazione.
              
Aforisma di proverbio napoletano: Quann' 'o diavulo t'accarezza, vò ll'ànema (quando il diavolo ti accarezza, viole l'anima).

mercoledì 9 settembre 2009

Il pane senza impasto





La ricetta l'ho copiata dall'album di una mia cara amica il cui nik su "alfemminile" è sandramilu, lei a sua volta l'aveva trovata su cookaround


Ingredienti

250gr di farina manitoba e 250gr di farina 00

350 ml di acqua 

(forse anche di più perchè ho notato che l'impasto lo richiedeva)

2.5 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di sale (io mezzo cucchiaio buono)





Procedimento




Mettete la farina con il sale in una ciotola capiente, aggiungete l'acqua in cui avrete già sciolto il lievito ed amalgamare velocemente senza impastare, otterrete questo











fate riposare coperto da pellicola per 18-24 ore. Il tempo di lievitazione varia a seconda del caldo, il mio impasto dopo 12 ore circa era già così











a questo punto versate l'impasto sulla spianatoia ben infarinata perchè l'impasto è molto attaccaticcio





spolverate ancora di farina e piegate l'impasto a portafoglio due volte ottenendo questo





ora prendete un canovaccio, cospargetelo di farina e semi di papavero (io ci ho messo quelli di sesamo)





adagiatevi l'impasto con le pieghe rivolte alla farina, chiudete il canovaccio e riponete il tutto in uno stampo a lievitare per 2 ore





capovolgete l'impasto, con le pieghe verso l'alto, nella teglia foderata di carta da forno 





portiamo il forno a più di 200°, dopo 10 min abbassiamo a 180° e lasciamo cuocere per circa un'ora.
Lasciate raffreddare la pagnotta avvolta in un canovaccio.
Aforisma di proverbio napoletano: Vide Napule e po' muore (Vedi Napoli e poi muori).

Panini al latte

Con la mia personalissima ricetta del danubio leggermente modificata, che alcune di voi già conoscono, realizzo questi meravigliosi panini adatti sia per dolce che il salato.







Ingredienti


1/2 Kg di farina
(possibilmente manitoba, altrimenti 00 - ancora meglio quasi tutta manitoba e poca 00)
1/2 cubetto di lievito
1 cucchiaino di miele (facoltativo)
7 gr. di sale (circa un cucchiaino)
60 gr di burro 
(con la margarina o la sugna però l'impasto sarà più morbido)
50 gr di zucchero
300 ml di latte tiepido
(regolate la quantità di latte fino ad ottenere un impasto morbido come il lobo dell'orecchio)




Procedimento


sciogliamo il lievito in poco latte tiepido ed il cucchiaino di miele, attendiamo qualche minuto e poi aggiungiamo un pò di farina fino ad ottenere un panetto morbido che faremo crescere fino al raddoppio.
Amalgamiamo gli  ingredienti  rimasti aggiungendo il burro all'ultimo.
Incorporiamo i due impasti ottenuti lavorandoli fino ad ottenere un unico impasto liscio e morbido come il lobo dell'orecchio, copriamo con la pellicola e mettiamolo a lievitare al calduccio lontano dalle correnti.





Quando sarà ben lievitato (circa 2 ore), sgonfiamolo senza reimpastarlo e ricomponiamo la forma e rimettiamolo a lievitare. Noteremo che l'impasto questa volta crescerà più velocemente e sarà più morbido.
Sgonfiamolo ancora senza reimpastare, ricomponiamo  la forma e facciamolo lievitare ancora. 
A questo punto siamo pronti per la formatura dei bacetti (cioè quei paninetti piccoli piccoli che si usano nei catering oppure si presentano a tavola per pranzi o cene per essere spalmati di burro e quant'altro). Fate pezzature da 20/30 gr per farli piccoli come bacetti, oppure fateli più grandi se vi piacciono belli cicciotti. Pennellate con il latte e se vi piace spolverate con semini di sesamo.
cuocete in forno a 150° o poco più, con un pentolino d'acqua posto sulla base del forno per circa 15/20 min o comunque fino a doratura.
Per la formatura dei panini ho realizzato un video che spero possa aiutare chi ha problemi nel farlo. Cliccate sul link qui sotto per andare al video.

http://album.alfemminile.com/album/see_530521_143/HOBBY-O-PASSIONE.htmlqui

lunedì 7 settembre 2009

Petti di pollo morbidi

Questa ricettina la devo alla mia cara amica svizzera Anna Maria della quale sentirete spesso parlare in questo blog.

Eravamo al telefono e lei mi raccontava di come facesse i petti pollo ed altri tipi di carne, alla griglia oppure fritti. Sosteneva che rimanessero morbidi e succosi. Per quanto strana mi sembrasse la ricetta ho provato a farli, risultato? Ottimi, morbidi (per nulla secchi e stopposi come spesso succede) e gustosi.

Procediamo:
mettete in una zuppiera circa 3-4 cucchiai colmi di paprika dolce, un cucchiaino di sale e l'olio che occorre per ottenere una pappetta più densa che liquida (circa 4-5 cucchiai? dovrete regolarvi). Mettete a marinare per circa 2 ore (il tempo di marinatura varia a seconda di quello che avete a disposizione, quindi potrà essere di più o di meno) i petti pollo in questa cremina girandoli di tanto in tanto

pollo 004

cuoceteli sulla griglia o sulla brace, oppure friggeteli in padella come ho fatto io, con poco olio per 5-10 min fino a farli belli bruni come nella foto.

pollo 005




Sono veramente ottimi e semplici da preparare.... vi consiglio di provali!!

Torta salata semplice semplice

Questa è una di quelle ricette sulle quali c'è ben poco da dire, vi dirò soltanto che è di facile realizzazione e molto saporita.
Per esperienza so che anche le cose più facili possono diventare complicate, soprattutto per chi è alle prime armi, da qui la decisione di mostrarvi le ricette passo passo........ Iniziamo:

Ingredienti:

2 rotoli di pasta sfoglia
200-250 di formaggio (io ci metto la scamorza affumicata)
200 gr di prosciutto cotto
300 gr di funghi (quelli che amate di più)
200ml di panna da cucina


Procedimento:

prima di tutto laviamo, tagliamo e cuociamo per 15-20 min. i funghi con poco olio, 1 aglio intero, prezzemolo a sale. Cerchiamo di far perdere ai funghi tutta l'acqua e poi mettiamoli a raffreddare. Togliamo l'aglio































flikr 002


foderiamo uno stampo rotondo con un rotolo di pasta sfoglia e la sua carta da forno tagliando quella in eccesso (usando la carta da forno non dovremo ungere la teglia).

flikr 006

cominciamo a riempire lo stampo: facciamo uno strato di prosciutto, poi uno strato di provolotto a fettine sottili, i funghi ed infine la panna

flikr 007

chiudiamo bene con l'altro disco di sfoglia, bucherelliamo con una forchetta e pennelliamo con tuorlo d'uovo e/0 latte (nel primo caso, dopo la cottura, la torta assumerà un colore più bruno)

flikr 012

cuocete in forno a 200° per circa mezz'ora fino a completa doratura.

flikr 005


domenica 6 settembre 2009

Carne alla pizzaiola

Questa ricetta dalla strordinaria velocità di preparazione ci consente di preparare primo e secondo in soli 15/20 minuti. (A Napoli per le cotture veloci usiamo il pomodoro del "piennolo", ma anche il San Marzano non guasta. Se vi interessa un pò di storia e/o curiosità su questi splendidi ortaggi della nostra tradizione cliccate qui).



Ingredienti:
4 fette di carne
2 scatole di pelati o pomodorini
1 spicchio di aglio
150 gr. circa di olio evo
origano e sale q.b.


Preparazione:


mettete in una pentola larga e bassa circa la metà dell'olio, in modo da ungerla tutta. Aggiungete le fette di carne, aggiungete i pelati, il sale, una bella spruzzata di origano e l'aglio a fette grosse. Aggiungete il resto dell'olio e cuocete a fuoco vivo per 15/20 min. facendo restringere un pochino il sughetto.




















Intanto avrete fatto cuocere gli spaghetti al dente, conditeli col sughetto e con un pò di parmigiano e/o pecorino.


flikr 001
Related Posts with Thumbnails

copiright

MyFreeCopyright.com Registered & Protected