sabato 26 settembre 2009

Viennetta

Questa ricetta l'ho copiata nel blog della mitica Misya, la trovo fantastica....ho apportato solamente una piccola modifica per quanto riguarda il cioccolato.



Ingredienti


250 ml di panna per dolci
3 albumi
50gr di zucchero a velo
1 bustina di vanillina (se lo zucchero non è vanigliato)
sfoglie sottilissime di cioccolato fondente
50 gr. di nocciole tritate.
Procedimento
Montare gli albumi a neve fermissima, una volta montati, aggiungere la vanillina e lo zucchero a velo.
A parte montare la panna.
Unire i due composti,  formando un'unica crema, mescolando dolcemente per non far smontare il composto e mettere in frigo.
Stendete in uno stampo piccolo da plum cake un primo strato di crema, spolverate con granella di nocciole e  fate uno strato di sfoglie di cioccolato.
Fate un altro strato di crema, granella e cioccolato e terminate con uno strato di crema agli albumi (in totale avrete 3 strati di crema e 2 interni al cioccolato e granella).
Mettete in freezer per almeno 3 ore, poi staccate con un coltello la viennetta dai bordi dello stampo e capovolgetela su di un piatto di portata. Decoratela a piacere (ad es. crema alla nocciola e granella).
Note: io ho aggiunto alla crema anche delle gocce di cioccolato oppure cioccolato a scaglie, diventa una crema simile alla stracciatella.
Aforisma di proverbio napoletano: Chi sparte, ave 'a peggia parte. (Chi divide riceve la parte peggiore).

Salsicce gustose di Perlablu


Ingredienti per 2 persone


400 gr salsicce
300 gr fagioli cannellini in scatola
4  fette pane casereccio
2 cucchiai passata di pomodoro
aglio
brodo
olio
salvia
sale e pepe
Procedimento
Tagliate le salsicce a tocchetti e rosolatele con poco l'olio, 2 o 3 spicchi di aglio e salvia. Aggiungete la passata ed un mestolo di brodo e cuocete per 10 min a fuoco basso. 
Aggiungete i fagioli scolati dalla loro acqua di conservazione, salate (senza esagerare), bagnate ancora con un mestolo di brodo e cuocete ancora 5 min. 
Servite ben caldo col pane abbrustolito al forno o sulla piastra.
Ed ecco un piatto che scalda l'anima e non solo.....

Aforisma di proverbio napoletano: Sparte ricchezza e addeventa puvertà. (Dividi la ricchezza e diventerà povertà).

Liquore di liquirizia







La ricetta mi fu data da Ines, è stupenda, facilissima, ottima!!







Ingredienti:
250 di liquirizia in polvere (altrimenti polverizzatela voi)
1 Kg di zucchero
1750 gr di acqua
1 litro di alcool


Procedimento:


Mischiate la liquirizia con lo zucchero e mettete sul fuoco con l'acqua,  per pochi minuti, rimestando.
Lasciate raffreddare completamente ed aggiungete l'alcool.
Filtrate ed imbottigliate.
Aforisma di proverbio napoletano: Chi bella vo' pare', pene e gguaje hadda pate'. (Chi vuole apparire bella, pene e guai deve patire).

Pizza senza impasto e senza fretta





Sempre alla ricerca della ricetta per la pizza perfetta, da realizzare in casa, ho messo a punto questa ricettuzza abbastanza soddisfacente: ai miei è piaciuta tanto, ma per quel che mi riguarda devo ancora mettere "a punto" qualcosina, perciò più in avanti troverete altri "esperimenti" di impasto per pizza.


Ingredienti


400 gr di farina "0" per pizza
100 gr farina manitoba
300/350 gr di acqua
1/2 cucchiaio raso di sale
2,5 gr di lievito di birra


Procedimento


Sciogliete il lievito in una parte di acqua.
Mettete in zuppiera la farina mischiata al sale, aggiungete il lievito e l'acqua mischiando molto velocemente sino ad ottenere un composto molliccio amalgamato.
Fatelo lievitare tutta la notte e, dopo circa 12 ore scaravoltate l'impasto sul piano infarinato dando delle pieghe a portafoglio (non badate al fatto che l'impasto è molto molle). Dopo 20 min stendete l'impasto direttamente sulla placca del forno rivestita con l'apposita carta e spolverata di farina e fate crescere ancora un'oretta.
Io l'ho condita con prosciutto cotto, provoletta affumicata, sale, olio ed una spolverata di parmigiano, ma se volete farla classica (pomodoro, mozzarella......) ricordatevi di far sgocciolare per bene la mozzarella  e di aggiungerla soltanto pochi minuti prima di sfornare. Cuocetela a 200° per 30 min circa. Date ancora un giro d'olio, ed eccola!!
Note: tenete presente che questo impasto l'ho fatto nel mese di settembre e quindi faceva ancora caldo (almeno qui a Napoli). La precisazione è dovuta in quanto la levitazione varia a seconda della temperatura.
Aforisma di proverbio napoletano: A lo ffriere siènte l'addore! A li cunte siènte lo chianto! (Al momento di friggere senti l'odore! Al conto senti i pianti!).

venerdì 25 settembre 2009

Strisce di pollo alle mandorle

Un modo semplice, veloce ma particolare di cucinare il "solito" petto di pollo.






Tagliate a striscioline circa 600 gr di pollo. Intanto preparate un trito con 100 gr di mandorle, 2 cucchiai di pan grattato, del rosmarino, sale e pepe q.b.

Sbattete l'albume di un uovo per un pò, fino a quando prenderà un pò di volume (solo il bianco mi raccomando), passateci dentro il pollo e poi rigiratelo nella panatura che avete preparato ed adagiateo sulla placca del forno foderata con apposita carta. Salate, date un giro d'olio e mettete in forno a 200° per circa 15/20 min.

Mi piacerebbe ringraziare l'artefice di questa ricetta, ma purtroppo non ricordo più chi sia stata a postarla, comunque grazie per averla condivisa!
Aforisma di proverbio napoletano: Nun se fa niente pe' ssenza niente. (Non si fa niente per niente).

mercoledì 23 settembre 2009

Polpettine di verdure

Questa è la ricetta delle polpette con le melanzane, ma sappiate che potete farle anche con le zucchine, con zucchine e patate, miste: zucchine, melanzane e patate ecc.......... La cosa più importante è che le verdure siano ben strizzate e/o sgocciolate. Le verdure possono essere bollite, ma fritte sono ancora più buone ovviamente. Stessa cosa per la cottura delle polpettine finite: potete metterle al forno per 15/20 min a 200° oppure friggerle.... fate vobis!!


Ingredienti:
1 Kg di melanzane
pane
2 uova
50 gr di pecorino o parmigiano
80 gr di scamorza o galbanino o emmental.....
farina,basilico, sale, pepe e pan grattato
olio per friggere


Procedimento:


Inzuppate il pane nell'acqua e poi strizzatelo per bene.
Tagliate le melanzane a cubetto e bollitele in acqua salata per 5/10 minuti. Scolatele e cospargetele con un pò di sale. Lasciatele nello scolapasta a sgocciolare e quando saranno tiepide strizzatele per far fuoriuscire tutta l'acqua. Mettete in una zuppiera le melanzane, aggiungete il pane strizzato e sbriciolato, le uova, il basilico, il sale il pepe, il pecorino e la scamorza anch'essa grattuggiata grossolanamente. Amalgamare il tutto formando un composto omogeneo, se vedete che l'impasto è troppo morbido aggiungete pan grattato fino a compattare il tutto. Con le mani cosparse di farina, formare delle polpette e rotolarle nel pan grattato. Riporre le polpette di melanzane in frigo per una ventina di minuti in modo da far addensare meglio il tutto. A questo punto potete friggerle (fatele rotolare nell'olio per dorarle dappertutto, ma fate attenzione a non romperle), cuocerle al forno (come vi ho detto in premessa) oppure potete congelarle e friggerle direttamente nell'olio bollente all'occorrenza.... Comodo vero??














N.B.: se l'intenzione è quella di farle con le zucchine e/o le patate, schiacciatele con la forchetta per amalgamare meglio il tutto.
Aforisma di proverbio napoletano: Mentre 'o miedeco sturèa, 'o malato se ne more. (Mentre il medico studia, il malato muore).


lunedì 21 settembre 2009

Muffin

Ho trovato nel mio vecchio ricettario (quaderni, fogli sparsi per tutta la casa e file sul computer) questa ottima ricetta per muffin che vi consiglio di tutto cuore: ottimo dolce da colazione e da merenda, si prepara in poco tempo e  può essere variato con un pò di fantasia.


  Ingredienti


300 gr di farina
120/140 gr. di zucchero di canna
2 cucchiai di cacao amaro
150 gr. di yogurt greco oppure Muller bianco (gli altri sono troppo acidi)
oppure panna fresca
1 dl di latte - regolatevi a seconda se lo yogurt è un pò più compatto - tipo il greco - o un pò più liquido (quindi diminuite la quantità di latte!)
100 gr di burro (fuso e fatto raffreddare)
Vanillina (un pizzico, ma se il lievito è vanigliato non occorre)
½ bustina di lievito (2 cucchiaini)
Bicarbonato (la punta di un cucchiaino)
Sale (un pizzico)
120 gr di cioccolato fondente in barretta frantumato al coltello
Per decorare a piacere:nocciole/noci/mandorle a fette/granella di zucchero
Procedimento



Miscelate gli ingredienti liquidi: uova, burro fuso, yogurt e latte.
Miscelate anche quelli solidi: farina, zucchero ecc.....tranne il cioccolato).
Unite i due composti versando i liquidi nei solidi ed aggiungete il cioccolato senza lavorare troppo il composto che dovrà comunque risultare granuloso.
Porzionate nei pirottini per muffin adagiati nelle apposite teglie (io uso quelle di silicone)







 avendo cura di riempire solo per metà e cuocete a 200° per 5 min. e poi abbassate il forno a 170° er altri 10/15 minuti (se sono grandi cuoceranno in circa 35/40 min., quelli piccoli in 20/25 min.) Sono pronti quando ne sentite il profumo e saranno cresciuti a cupola crepandosi in superficie.



Mangiateli tiepidi.
Si prestano ad essere congelati.



Aforisma di proverbio napoletano: Dicette 'o pappice 'nfacci' a noce: "Dàmme 'o tiempo ca te spertoso" (Disse il tarlo alla noce: "Dammi il tempo che ti buco.)

Danubio





Il danubio è un rustico - quindi a metà tra il dolce ed il salato - della tradizione napoletana che si contraddistingue per una pasta morbida e dolce, e un ripieno salato fatto di salumi e formaggio.
Tipico delle celebrazioni pasquali è il rustico che preferisco in assoluto, la sua tipica forma a "pagnottelle" consente ad ogni commensale di staccane autonomamente un pezzo. Quel contrasto dolce/salato in quell'impasto soffice soffice fanno del danubio, secondo me, " 'o rre de' rustici"!!
Di questa ricetta sono particolarmente orgogliosa perchè nasce da innumerevoli esperimenti da me effettuati nel corso degli anni e, dopo innumerevoli "togli questo e metti quello" ecco la ricetta, per me, perfetta. Con questa stessa ricetta e piccole correzioni si possono realizzare meravigliosi panini al latte, oppure all'olio, pangoccioli, pizza........., li ho riempiti con la marmellata o la nutella......... e non ricordo più cos'altro ci ho fatto.


Ingredienti


1 Kg di farina (possibilmente manitoba, altrimenti 00, meglio ancora quasi tutta manitoba e poca 00)
1 cubetto di lievito
1 cucchiaino di miele (facoltativo)
2 o 3 uova (sencondo grandezza)
1 bel cucchiaino di sale
120 gr di burro
(con la margarina o lo strutto però l'impasto sarà più morbido)
160 gr. di zucchero
1 bustina di vanillina
350/400 ml di latte tiepido
(regolate la quantità di latte fino ad ottenere un impasto morbido come il lobo dell'orecchio)
150/200 gr di formaggio (auricchio dolce o quello che vi piace di più)
150/200 gr di prosciutto cotto a dadini


Procedimento


sciogliamo il lievito con poco latte tiepido ed il cucchiaino di miele, attendiamo qualche minuto e poi aggiungiamo un pò di farina fino ad ottenere un panetto morbido che faremo lievitare fino al raddoppio.
Amalgamate gli ingredienti rimasti avendo cura di sciogliere il sale in un'altro pò di latte ed aggiungendo il burro in ultimo.
Incorporate i due impasti ottenuti lavorandoli fino ad ottenere un unico impasto molle ed un pò attaccaticcio, coprite il recipiente con la pellicola e fate lievitare l'impasto al calduccio lontano dalle correnti.







Quando sarà ben lievitato (circa due ore), sgonfiatelo senza reimpastarlo, ricomponete la forma e rimettetelo a lievitare. Noterete che l'impasto questa volta crescerà più velocemente e sarà più morbido. Sgonfiatelo ancora, senza reimpastare, ricomponete la forma e fatelo lievitare ancora fino al raddoppio.
A questo punto siamo pronti per la formatura ed il riempimento delle "pagnottelle", che non dovrete fare troppo grosse. All'uopo scegliete il procedimento che fa più al caso vostro:


  1.  staccate un pezzo di pasta dall'impasto, appiattitelo con le mani, inserite la dadolata di salumi e formate i panini;
  2.  stendete la pasta col matterello, spargere il ripieno su tutta la pettola, arrotolare, tagliare a tocchetti e formate i panini; 
  3. aggiungete la dadolata di salumi all'impasto prima di metterlo a lievitare.
A mano a mano che formate i panini, adagiateli in una grossa teglia ricoperta di carta da forno (oppure  imburratela leggermente) avendo cura di distanziarli un pò tra di loro. Pennellate con tuorlo d'uovo (nel frattempo le palline avranno ripreso la lievitazione), accendete il forno a 180° e mettete un pentolino con l'acqua sul fondo. Quando il forno è giunto a temperatura, inseritevi la teglia e cuocete per circa 20/30 min o comunque fino a giusta doratura.


























Related Posts with Thumbnails

copiright

MyFreeCopyright.com Registered & Protected