giovedì 10 settembre 2009

PANCARRE' ALLO YOGURT

Ci sono due cose in particolare che amo fare con le mie mani (o per meglio dire con il mio robot): i panini per gli hamburger ed il pancarrè. Se c'è una cosa che odio è sentire quel sapore di alcool che hanno quelli confezionati industrialmente.
Così un giorno mi sono imbattuta in questa ricetta di "Anice e cannella" e non me ne sono liberata più. Il testo è quasi "integrale", la ricetta è arricchita con le foto dei vari passaggi .




Ingredienti


250 gr di farina 0
250 gr di manitoba
30 gr burro
10 gr olio evo
125 gr di yogurt
75 gr di acqua
30 gr di zucchero
10 gr di sale








Per il lievitino:

90 gr. di latte
150 gr di farina presa dal totale
1 cucchiaino di malto (in mancanza sostituire con miele)
12 gr di lievito di birra



Fate un lievitino con gli ingredienti descritti e far lievitare pfino al raddoppio (circa un'ora d'estate 90 min d'inverno). 

Nel frattempo miscelate l'acqua e lo yogurt e lasciate riposare a temperatura ambiente.

Quando il lievitino ha quasi raggiunto il doppio del volume, impastate bene  il resto degli ingredienti e lavoratelo bene.


Appena il lievitino è pronto lavoratelo con il secondo impasto finchè non ci saranno più striature bianche ed i due impasti saranno perfettamente amalgamati.
Mettete l'impasto, così ottenuto,a crescere coperto con pellicola per 40 minuti d'estate oppure 50/60 minuti d'inverno e mettere in frigo circa 8 ore.



Al mattino riportare l'impasto a temperatura ambiente tenendolo fuori dal frigo circa 40 minuti. 










Dopodichè spezzare in due e dare una ad ogni pezzo le pieghe del secondo tipo( qui ) coprire i due panetti e lasciarli riposare circa 15/20 minuti.







Formare ora due cordoni lunghi più di 30 cm. ed arrotolarli tra loro. 








Posizionare la trecciona a due in uno stampo da plumcake lungo 30 cm. e unto d'olio di semi. Pennellare di latte.






Lasciare lievitare circa 40 minuti (in inverno 1 ora) pennellare ancora un poco di latte e se si desidera, spolverare di semi di sesamo.







Infornare in forno caldo a 220° per i primi 20 minuti, coprire poi con carta forno la superficie che si sarà già dorata e proseguire la cottura a 180/190° per altri 20 minuti.

Sfornare il pancarrè e, senza toglierlo dallo stampo, avvolgerlo bene in un grosso panno di cotone e lasciarlo raffreddare.
Toglierlo poi dallo stampo e non consumare prima di almeno 3 o 4 ore.







Ci facciamo due toast oppure gli spalmiamo un pò di nutella?






Aforisma di proverbio napoletano: Ccà nisciuno è fesso (Qui nessuno è stupido).

2 commenti:

  1. ciao!!!
    sono Chiara ho visto la ricetta del pancarrè e nn ho resistito!!!
    un pò impegnativa ma sicuramente molto molto appagante!!!
    ho segnato tutto per provare, nn vedo l'ora!!!!
    la foto del micio sul titolo del blog è un amore!!!!
    a prestissimo!!!!

    RispondiElimina
  2. ciao cara, ti ringrazio per i complimenti ;-)
    Prova a farlo e poi ricordati di farmi sapere come è venuto, ok?

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails

copiright

MyFreeCopyright.com Registered & Protected